Che cos’è

Uno spazio di ristorazione collettiva, all’insegna dell’innovazione, della sostenibilità, del legame con le origini. Sviluppato in collaborazione con Nuova Ristorazione srl, sarà fruibile da tutti i collaboratori Lavazza, ma sarà aperto anche alla Città. Un'idea nuova di ristorazione aziendale, progettata in collaborazione con CZA (Cino Zucchi Architetti)-RGA per gli interni, e nata all'interno dell'ex centrale Enel ristrutturata, con vista sul giardino e sulla città. Ecco allora il Bistrot per la pausa pranzo, con lo zampino di Gianluca Biscalchin per la grafica del logo.

Il progetto

Il progetto di ristorazione parte necessariamente dalla qualità del cibo: sano, fresco, leggero e nutriente, secondo la migliore tradizione della cucina italiana, con menù preparati anche con materie prime provenienti da produttori locali, notoriamente attenta alla sostenibilità, al territorio, ai contadini e alla terra. Centrale anche il concetto di innovazione, con una visione tutta nuova della distribuzione e alcuni cibi preparati al momento.


L’estetica dello spazio risponde ai valori chiave della marca: piacere, qualità, italianità e creatività. Senza dimenticare la tradizione, il rispetto, la comunicazione e un tono di voce allegro e familiare. Perché ciò che si mangia è importante, ma decisivi sono come e dove si mangia. La condivisione del cibo è un momento di dialogo e di socializzazione, che l'ambiente deve favorire. Un momento di 'ristoro' non solo del corpo ma anche dello spirito, che deve entrare in empatia con lo spazio attraverso tutti i sensi. Luce, acustica e sensazioni tattili dei materiali sono importanti quanto gli odori e il gusto del cibo.

Specifiche

Il Bistrot si articola su 3 livelli:

Il piano terra, dedicato all’ingresso, dove sono presenti le casse e le macchinette per il caffè.

Al piano primo si trovano:
- la cucina principale;
- la sala consumazione per 140 coperti;
- le 3 isole di somministrazione;
- locali di servizio;
- 4 sale riservate;

Al piano soppalco si trova l’altra sala consumazione per 136 coperti